Vini francesi: la guida definitiva

0
69
vini francesi

Scegliere un vino francese significa capire come leggere e pronunciare i nomi dei vini francesi e le parole che si trovano sull’etichetta, la varietà di uva specifica di alcuni vini francesi, e ottenere il miglior valore di un vino francese.

Migliori vini francesi

Stai cercando di ottenere il massimo dai tuoi soldi quando si tratta di vino francese? Qui ci sono alcuni dei migliori valori del vino francese, compresi i tipi di vino e se sono rossi o bianchi:

  • Alsazia Riesling (bianco)
  • Côte Chalonnaise Burgundy (rosso/bianco)
  • Beaujolais-Villages (rosso)
  • Côte de Bourg Bordeaux (rosso)
  • Bergerac (rosso/bianco)
  • Côte du Rhône-Villages (rosso)
  • Cahors (rosso)
  • Cru Bourgeois Bordeaux (rosso)
  • Bourgogne (Rouge o Blanc)
  • Champagne brut non millesimato
  • Chinon (rosso)
  • Saint-Véran e Mâcon-Villages (bianco)
  • Corbières o Minervois (rossi)

Come scegliere i vini francesi: parole che trovi sulle etichette

Un’etichetta di un vino francese contiene molte informazioni, ma è possibile decifrare il codice e capire il vino francese una volta che si sa come leggere l’etichetta. Qui ci sono alcune parole che si possono trovare e che cosa significano:

  • Appellation . . . Contrôlée (AOC): la parola o le parole che compaiono tra queste due parole sull’etichetta indicano il simbolo il toponimo ufficiale del vino, il luogo in cui le uve è cresciuto, come il nostro vino DOC.
  • grand cru: un vigneto di altissima qualità della regione o area del vigneto
  • blanc de blancs (“bianco da bianche”): un vino bianco ottenuto esclusivamente da uve bianche. In particolare, uno Champagne prodotto esclusivamente con uve Chardonnay.
  • grand vin: il miglior vino della cantina.
  • blanc: bianco
  • millésime: annata (anno della vendemmia)
  • brut: uno spumante secco
  • mis en bouteille au château: Bottiglia di proprietà
  • Château: Una tenuta vinicola
  • premier cru: Una zona a vigneto o azienda vinicola superiore, ma meno prestigioso di un grand cru
  • crémant: Un vino francese spumante DOC di qualche regione diversa dallo Champagne
  • réserve: Suggerisce un vino di migliore qualità, ma è un termine non regolamentato che chiunque può usare per qualsiasi tipo di persona.
  • vitivinicolo
  • cru: Un vigneto, un villaggio, o a volte un vino proprietà fondiaria
  • rouge: Rosso
  • Cuvée: Una miscela di vini, o un particolare lotto di
  • un vino
  • sec: Secco
  • domaine: Tenuta vinicola, di solito una proprietà più piccola di un castello
  • vieilles vignes: Viti vecchie, suggerisce una migliore qualità, ma è un termine non regolamentato
  • extra dry: Uno spumante che è leggermente più dolce di brut
  • Vins Délimités de Qualité Supérieure (VDQS): Un vino toponimo ma meno prestigioso di un vino di Appellation Contrôlée
  • grand cru classé: un’azienda vinicola ufficialmente classificata come una delle migliori proprietà.
  • Vin de Pays: vino di campagna francese; le parole che seguono questa frase sull’etichetta indicano la zona di coltivazione dell’uva.

Classificazione vini francesi: le uve usate

La varietà di uve (rosse o bianche) utilizzate per la produzione di vini francesi prende il nome dalla regione francese in cui viene coltivata. Ecco alcuni tipi di vino francese e l’uva principale utilizzata per la sua produzione:

Tipo di vino
Uva principale
Beaujolais
Gamay
Bordeaux (red)
Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc
Bordeaux (white)
Sauvignon Blanc, Sémillon
Burgundy (red)
Pinot Noir
Burgundy (white)
Chardonnay
Chablis
Chardonnay
Champagne
Chardonnay, Pinot Noir, Pinot Meunier
Côtes du Rhône
Grenache, Syrah, Mourvèdre
Pouilly-Fuissé
Chardonnay
Pouilly-Fumé
Sauvignon Blanc
Sancerre
Sauvignon Blanc

La tecnica speciale per la degustazione del vino francese

Bevi bevande ogni giorno, gustandole mentre passano attraverso la bocca. Ma quando si tratta di vino, bere e degustare non sono sinonimi. Il vino è molto più complesso di altre bevande: C’è di più in una boccata di vino. Per esempio, la maggior parte dei vini ha molti sapori diversi (e sottili), tutti allo stesso tempo, e ti danno sensazioni multiple e simultanee, come la morbidezza e la nitidezza insieme.

Se bevete vino tracannandolo come si fa con l’acqua, vi manca molto di quello per cui avete pagato. Ma se assaggiate il vino, potete scoprirne le sfumature. Infatti, più lentamente e con attenzione assaggiate il vino, più interessante è il suo gusto.

E con questo, abbiamo le due regole fondamentali della degustazione dei vini:

  • Rallentate
  • Fate attenzione

Il processo di degustazione di un vino – di sperimentare sistematicamente tutti gli attributi del vino – si articola in tre fasi, di cui parleremo nelle sezioni seguenti. I primi due passi non coinvolgono affatto la bocca: Prima si guarda il vino e poi lo si sente l’odore. Infine, si arriva a sorseggiarlo.

Assaporare l’aspetto di un vino

Ci piace guardare il vino nel nostro bicchiere, notando quanto sia brillante e come rifletta la luce, cercando di decidere con precisione di quale tonalità di rosso è e se macchierà la tovaglia in modo permanente se incliniamo il bicchiere troppo lontano.

Per osservare l’aspetto di un vino, inclinare un bicchiere (non più di mezzo pieno) lontano da voi e guardare il colore del vino su uno sfondo bianco, come la tovaglia o un pezzo di carta (uno sfondo colorato distorce il colore del vino). Notate quanto è scuro o quanto è pallido il vino e di che colore è. Notate anche se il vino è nuvoloso, chiaro o brillante. (La maggior parte dei vini sono chiari. Alcuni vini non filtrati possono essere meno che brillanti ma non dovrebbero essere nuvolosi.) Alla fine, comincerai a notare modelli, come il colore più profondo nei vini rossi più giovani e nei vini bianchi più vecchi.

Se avete tempo, a questo punto potete anche girare il vino nel bicchiere (vedere la sezione seguente) e osservare come il vino scorre all’interno del bicchiere. Alcuni vini formano zampe o lacerazioni che scorrono lentamente verso il basso. C’era una volta, queste gambe sono state interpretate come il segno sicuro di un vino ricco e di alta qualità. Oggi sappiamo che le zampe di un vino sono un fenomeno complicato che ha a che fare con la tensione superficiale del vino e il tasso di evaporazione dell’alcol del vino. Se sei un fisico, sentiti libero di mostrare la tua esperienza e di illuminare i tuoi compagni di assaggio – ma per il resto, non preoccuparti di trarre conclusioni dalle gambe.

Il naso lo sa: come annusare il vino francese

Dopo aver osservato l’aspetto di un vino, si arriva alla parte davvero divertente della degustazione del vino: roteare e annusare. Questo è il palcoscenico in cui si può lasciare correre la fantasia e nessuno avrà mai il coraggio di contraddirti. Se dici che un vino ha l’odore di fragoline di bosco, come si può dimostrare che non è così?

Prima di spiegare il rito olfattivo, e la tecnica di degustazione che lo accompagna (descritta nella sezione successiva), vogliamo assicurarvi che

  • (a) non dovete applicare questa procedura a ogni singolo vino che bevete;
  • (b) non sembrerete sciocchi a farlo, almeno agli occhi degli altri amanti del vino (non possiamo parlare per il resto della popolazione umana); e
  • (c) è un grande trucco alle feste per evitare di parlare con qualcuno che non vi piace.

Per ottenere il massimo dal vostro sniffing, mescolate prima il vino nel bicchiere. Ma non pensate nemmeno a roteare il vostro vino se il bicchiere è più della metà pieno.

Tieni il bicchiere sul tavolo e ruotalo tre o quattro volte in modo che il vino giri all’interno del bicchiere e si mescoli con l’aria. Poi portate rapidamente il bicchiere al naso. Infilate il naso nello spazio aereo del bicchiere e annusate il vino. Libero associato. L’aroma è fruttato, legnoso, fresco, cotto, intenso, mite? Il naso si stanca rapidamente, ma si riprende rapidamente. Aspetta un attimo e riprova. Ascolta i commenti dei tuoi amici e cerca di trovare le stesse cose che trovano nell’odore.

Mentre vorticete, gli aromi del vino vaporizzano in modo da poterli annusare. Il vino ha così tanti composti aromatici che tutto ciò che si trova nell’odore di un vino non è probabilmente solo un frutto della vostra immaginazione.

Il punto di questo intero rituale di roteare e annusare è che quello che sentite dovrebbe essere piacevole per voi, forse anche affascinante, e che dovreste divertirvi nel processo. Ma cosa succede se noti un odore che non ti piace? Passate un po’ di tempo in giro per i fanatici del vino e inizierete a sentire parole come benzina, sella sudata, fiammifero bruciato e asparagi che descrivono gli aromi di alcuni vini. “Che schifo!”, dici? Certo che sì! Fortunatamente, i vini che mostrano tali odori non sono i vini che berrete per la maggior parte – almeno non a meno che non si cogliete veramente l’insetto del vino. E quando si cattura la cimice del vino, si potrebbe scoprire che questi aromi, nel vino giusto, possono davvero essere un calcio. Anche se non venite a godere di questi odori (alcuni di noi lo fanno, onestamente!), li apprezzerete come caratteristiche tipiche di certe regioni o uve.

Il vino può anche avere cattivi odori che nessuno cercherà di difendere. Non capita spesso, ma succede, perché il vino è un prodotto agricolo naturale, naturale, con una propria volontà. Spesso, quando un vino è gravemente difettoso, si presenta immediatamente al naso del vino. I giudici del vino hanno un termine per tali vini. Li chiamano DNPIM – Non mettere in bocca. Non che vi ammalerete, ma perché sottoporre le vostre papille gustative allo stesso abuso che il vostro naso ha appena preso? A volte la colpa è di un cattivo tappo di sughero, e a volte il problema sta in qualche problema nella vinificazione o anche nella conservazione del vino. Basta appenderlo per fare esperienza e aprire una bottiglia diversa.

Quando si tratta di annusare il vino, molte persone sono preoccupate di non essere in grado di rilevare tutti gli aromi che pensano di dover rilevare. L’olfatto di vino è in realtà solo una questione di pratica e attenzione. Se iniziate a prestare maggiore attenzione agli odori nelle vostre normali attività, l’odore di vino migliorerà.

Consigli per annusare il vino

Provate queste tecniche per ottenere di più dal vino quando annusate:

  • Sii audace. Incollare il naso direttamente nello spazio aereo del bicchiere dove vengono catturati gli aromi.
  • Non indossare un profumo forte, che farà concorrenza all’odore del vino.
  • Non mettetevi a sentire l’odore di un vino quando sono presenti forti aromi alimentari. La carne che sentite nel vino potrebbe davvero essere uno stufato che cuocete sul fornello.
  • Diventa un odore. Annusate ogni ingrediente quando cucinate, tutto quello che mangiate, la frutta e la verdura fresca che comprate al supermercato, anche gli odori del vostro ambiente – come il cuoio, la terra bagnata, il catrame della strada fresca, l’erba, i fiori, il vostro cane bagnato, il lucido per scarpe e il vostro armadietto dei medicinali. Riempite il vostro database mentale di odori in modo da avere ricordi di aromi a vostra disposizione quando avete bisogno di disegnare su di loro.
  • Prova diverse tecniche di annusare. Ad alcune persone piace annusare brevi e veloci “sniff di coniglio”, mentre ad altre piace inalare un profondo sentore dell’odore del vino. Tenere la bocca un po’ aperta mentre si inspira può aiutare a percepire gli aromi. (Alcune persone tengono anche una narice chiusa e odorano insieme all’altra, ma pensiamo che sia un po’ perverso.)

10 aromi (o sapori) associati ai migliori vini francesi

Di seguito sono riportati alcuni degli aromi più comuni che si possono trovare nel vino:

  • Frutta di ogni tipo
  • Spezie
  • Fiori
  • Terra
  • Erba
  • Tabacco
  • Caramello
  • Tostato
  • Vaniglia
  • Caffè, moka o cioccolato

L’azione in bocca durante la degustazione dei vini

Dopo aver guardato il vino e sentito l’odore, si può finalmente assaggiarlo. Questo è il palcoscenico in cui uomini e donne adulte si siedono e fanno strani volti, gorgogliando il vino e scrostandolo in bocca con sguardi di intensa concentrazione negli occhi. Si può diventare un nemico per la vita se si distrae un degustatore di vino proprio nel momento in cui sta concentrando tutta la sua energia sulle ultime gocce di un vino speciale.

Ecco la procedura da seguire:

  • Prendete un sorso di vino di media grandezza.
  • Tenere il vino in bocca, borseggiare le labbra, e disegnare un po ‘d’aria attraverso la lingua, sopra il vino. (Fai molta attenzione a non soffocare o sgocciolare, o tutti sospetteranno fortemente che non sei un esperto di vino).
  • Swish il vino in bocca come se lo stai masticando.
  • Ingoiare il vino.

L’intero processo dovrebbe durare diversi secondi, a seconda di quanto ti stai concentrando sul vino.

I vini francesi hanno il naso… e anche il palato

Con poetica licenza tipica dei degustatori di vino, qualcuno una volta ha soprannominato l’odore di un vino al naso – e l’espressione ha preso piede. Se qualcuno dice che un vino ha un naso enorme, significa che il vino ha un aroma molto forte. Se dice di riconoscere il limone al naso o al naso, significa che il vino ha un odore simile a quello dei limoni.

Infatti, la maggior parte dei degustatori di vino raramente usa la parola “odore” per descrivere l’odore di un vino perché la parola “odore” (come la parola “odore”) sembra peggiorativa. I degustatori di vino parlano del naso o dell’aroma del vino. A volte usano la parola bouquet, anche se questa parola sta cadendo di moda.

Proprio come un degustatore di vino potrebbe usare il termine naso per l’odore di un vino, potrebbe usare la parola palato in riferimento al gusto di un vino. Il palato di un vino è l’impressione generale che il vino dà in bocca, o qualsiasi aspetto isolato del gusto del vino – come in, “Questo vino ha un palato armonioso”, o “Il palato di questo vino è un po’ acido”. Quando un degustatore dice di trovare i lamponi al palato, significa che il vino ha il sapore dei lamponi.

Sentire i sapori

Le papille gustative sulla lingua possono registrare varie sensazioni, che sono conosciute come i gusti di base – dolcezza, acidità, salinità, amaro e umami, una caratteristica salata. Di questi gusti, dolcezza, acidità e amarezza sono quelli più comuni nel vino. Spostando il vino in bocca, gli si dà la possibilità di colpire tutte le papille gustative in modo da non perdere nulla nel vino (anche se l’asprezza e l’amarezza suonano come cose che non ti dispiacerebbe perdere).

Quando si fa scorrere il vino in bocca, si sta anche prendendo tempo. Il tuo cervello ha bisogno di pochi secondi per capire che cosa sta assaggiando la lingua e dare un senso ad essa. Ogni dolcezza nel vino spesso si registra prima nel cervello; l’acidità (che, tra l’altro, è nota alle persone normali come acidità) e l’amarezza si registrano successivamente. Mentre il tuo cervello sta elaborando le relative impressioni di dolcezza, acidità e amarezza, puoi pensare a come si sente il vino in bocca – se è pesante, leggero, liscio, ruvido e così via.

Degustare i profumi del vino

Fino a quando non si taglia il naso sull’azione, tutto ciò che si può gustare nel vino sono quelle tre sensazioni di dolcezza, acidità e amarezza e un’impressione generale di peso e consistenza. Dove sono andate tutte le fragole di bosco?

Sono ancora lì nel vino, proprio accanto al cioccolato e alle prugne. Ma per essere perfettamente corretti, questi sapori sono in realtà aromi che assaggiate, non attraverso il contatto con la lingua, ma inspirandoli su un passaggio nasale interno nella parte posteriore della vostra bocca chiamato passaggio retronasale (vedi figura seguente). Quando tiri aria attraverso il vino in bocca, stai vaporizzando gli aromi proprio come hai fatto quando hai roteato il vino nel bicchiere. C’è un metodo per questa follia.

Dopo aver attraversato tutte queste rigmarole, è il momento di raggiungere una conclusione: Ti piace quello che hai assaggiato? Le risposte possibili sono sì, no, un’indifferente scollatura delle spalle, o “non sono sicuro, lasciami prendere un altro assaggio”, il che significa che hai un serio potenziale vinicolo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui