Situazione economica, sociale e territoriale della Francia

0
36
Situazione economica, sociale e territoriale della Francia

Questo briefing è stato preparato per fornire alla commissione del Parlamento europeo informazioni su delegazione per lo sviluppo regionale a La Réunion il 17-21 settembre 2018.

1. Introduzione alla Francia e al suo sistema politico e amministrativo

La Francia si trova nell’Europa occidentale. A sud-ovest, la Francia confina con la Spagna e Andorra e ad est con il Belgio, il Lussemburgo, la Germania, la Svizzera e l’Italia. A sud ha accesso al Mar Mediterraneo, a ovest all’Oceano Atlantico e a nord alla Manica (English Channel).

A causa del suo passato coloniale al di fuori della Francia metropolitana (la parte europea della Repubblica), incorpora diverse aree d’oltremare in vari tipi di rapporto con essa. Così, il territorio della Repubblica francese è costituito da:

  • Francia metropolitana – divisa in 13 regioni e 96 dipartimenti (compresa la Corsica);
  • 5 dipartimenti-regioni d’oltremare (Département d’outre-mer – DOM; Région d’outre-mer – ROM): Guadalupa, Martinica, Guyana francese, La Réunion e Mayotte;
  • 5 Comunità d’oltremare (Collectivités d’outre-mer – COM): Polinesia francese, Wallis e Futuna, Saint-Pierre e Miquelon, Saint-Barthélémy, Saint-Martin;
  • 2 territori speciali: collettività sui generis (Collectivité sui generis) – Nuova Caledonia e territorio d’oltremare (Territoire d’outre-mer) – Terre australi e antartiche francesi.
mappa della francia

Tutti e cinque i dipartimenti d’oltremare, così come Saint-Martin (il territorio francese dei Caraibi) fanno parte dell’Unione europea (con lo status di regione ultraperiferica), mentre altri territori non lo sono.

La Francia metropolitana, detta anche “esagono” per la sua forma geografica, è il territorio più grande dell’Unione europea. La superficie del paese è di 638 474 km2 , 549 060 km2 per la Francia metropolitana e 89 414 km2 per i territori d’oltremare [1].

Con una popolazione di oltre 67 milioni di cittadini, la Francia è il secondo paese dell’Unione Europea dopo la Germania.

Il paesaggio della Francia metropolitana è vario e comprende pianure costiere, bacini e una serie di aree montane come le Alpi a est (tra cui il Monte Bianco, la vetta più alta dell’Europa occidentale, con i suoi 4810 m), i Pirenei a sud-ovest e il Massiccio Centrale a sud. E ‘anche formata da un gran numero di fiumi di cui i più importanti sono la Senna (nord), la Loira (ovest e centro), la Garonna (ovest), il Rodano (est) e il Reno (nord-est).

dati sulla francia

La Repubblica francese è uno Stato unitario con un sistema semi-presidenziale. La costituzione del 1958 (più volte modificata) ha introdotto un forte potere esecutivo, rappresentato dal Presidente della Repubblica e dal governo, con il Primo Ministro nominato dal Presidente. Il presidente viene eletto direttamente ogni 5 anni. L’attuale presidente è Emmanuel Macron (dal 2017). Il primo ministro è Édouard Philippe.

Il Parlamento francese è composto da due camere: un’Assemblea nazionale (Assemblée Nationale) e un Senato. 577 membri dell’Assemblea nazionale sono eletti a suffragio universale diretto per un mandato quinquennale rinnovabile. L’Assemblea nazionale può essere sciolta prematuramente dal Presidente (ma non durante il primo anno dopo le elezioni generali). Dal 1958 è accaduto cinque volte: nel 1962, 1968, 1981, 1981, 1988 e 1997. Il metodo di voto utilizzato nelle elezioni generali è il voto a due turni, il primo-past-the-post (scrutin majoritaire à deux tours). Le ultime elezioni si sono svolte nel 2017.

348 membri del Senato sono scelti da un collegio elettorale (cioè deputati, membri di consigli dipartimentali, consigli regionali, consigli comunali, etc.) per un mandato di sei anni. Ogni tre anni, la metà dei suoi membri è soggetta a rielezione. Le ultime elezioni si sono svolte nel 2017.

Per molto tempo la scena politica è stata dominata da due grandi partiti:

  • Repubblicani (Les Républicains in passato chiamato: Union pour un mouvement populaire) – membro del PPE;
  • Partito socialista (Parti socialiste – PS) – membro del gruppo S&D.

Tuttavia, dopo le elezioni del 2017, La République en Marche – un nuovo movimento, creato dal presidente Emmanuel Macron, ha acquisito una posizione dominante nel panorama politico francese.

Altri movimenti politici influenti a livello nazionale sono:

  • Atto, il diritto costruttivo (Agir, la droite costruttivo) – membro del PPE;
  • Generazioni (Génération.s) – Membro del gruppo S&D;
  • Movimento democratico (Mouvement Démocrate – MoDem) – membro del gruppo ALDE;
  • Unione dei Democratici e Indipendenti (Union des démocrates et indépendants, UDI) – membro del gruppo ALDE;
  • Francia non subordinata (La France Insoumise – LFI) – membro del GUE/NGL;
  • Parti communiste français (Parti communiste français – PCF) – membro del GUE/NGL;
  • Europa Ecologia – I Verdi (Europe Écologie Les Verts – EELV) – membro del gruppo Verts/ALE;
  • National Rally (Rassemblement National in passato chiamato Front National) – membro dell’ENF.

Inoltre, nei dipartimenti d’oltremare, i partiti e i movimenti politici locali sono influenti a livello locale e hanno la loro rappresentanza nell’Assemblea nazionale e nel Parlamento europeo.

La Francia è uno degli attori importanti sulla scena internazionale. È uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nonché membro del G7, della NATO, dell’OCSE, dell’OMC e naturalmente dell’Unione europea. La Francia ha esercitato la presidenza del Consiglio nel 2008 ed eserciterà questa funzione nella prima metà del 2022.

politica francia

2. Divisione amministrativa della Francia

La Francia è uno Stato unitario con una lunga tradizione di centralizzazione. Solo le riforme del 1982-83 hanno creato le regioni autonome. Nel corso degli ultimi 35 anni, sono state attuate una serie di moderne riforme di decentramento.

Nel 2015, la legge sulla Nuova Organizzazione Territoriale della Repubblica (NOTRe) non solo ha modificato il numero di regioni, ma ha anche introdotto modifiche nella distribuzione delle competenze degli autogoverni francesi.

Oggi la Francia è divisa in 18 regioni autonome con 13 regioni della Francia metropolitana (di cui una sulla Corsica, che ha uno statuto speciale) e 5 regioni d’oltremare. Queste regioni sono ulteriormente suddivise in 101 dipartimenti (compresi 5 dipartimenti d’oltremare). Infine, i fondamenti dell’amministrazione territoriale francese sono 35 416 comuni [2].

La Francia ha il maggior numero di comuni dell’Unione europea (circa il 40% di tutti i comuni dell’UE).

Questi 3 livelli dell’amministrazione territoriale hanno autonomia politica, giuridica e finanziaria.

Questa autonomia è garantita dalla Costituzione e assicurata da:

  • consigli eletti direttamente;
  • un presidente (maire nel comune) eletto tra i membri del consiglio;
  • il proprio bilancio, deciso dal Consiglio e basato (almeno in parte) su risorse proprie.

Le elezioni locali, dipartimentali e regionali si svolgono ogni 6 anni. Le prossime elezioni sono previste per il 2021.

Poiché la maggior parte dei comuni francesi sono di piccole dimensioni (oltre il 50% ha una popolazione inferiore ai 500 abitanti), sono autorizzati a creare insieme entità intercomunitarie (établissement public de coopération intercommunale EPCI) che possono esercitare parte delle responsabilità comunali per la sua più efficiente esecuzione.

Questi istituti pubblici di cooperazione intercomunale dispongono di risorse proprie ed esercitano le competenze loro trasferite dai comuni membri. Nel 2017 esistevano 1266 enti intercomunali di questo tipo, raggruppando 35 411 comuni [3]. Inoltre, c’è un Metropole di Lione che ha uno status speciale. Tre grandi comuni, Parigi, Lione e Marsiglia, sono suddivisi in distretti municipali (arrondissements).

Il ruolo di ogni livello amministrativo in Francia è definito dalla legge. Con la legge NOTRe è stata eliminata la clausola generale delle competenze per le regioni e i dipartimenti, mentre rimane per i comuni.

Le regioni sono responsabili dello sviluppo regionale (ad esempio, piani regionali di sviluppo economico), della pianificazione territoriale (piani regionali di gestione del territorio, piani regionali per i trasporti, ecc.), dell’istruzione (scuole superiori e alcune università), della formazione professionale, della cultura e della salute, dei trasporti regionali e di alcuni porti e aeroporti.

I dipartimenti sono principalmente responsabili dell’aiuto sociale: sostegno ai disabili, agli anziani, ai bambini e al reddito attivo di solidarietà (Revenu de solidarité active – RSA). Sono anche molto attivi nel settore della cultura, dello sport e dell’istruzione, ad esempio la protezione del patrimonio culturale (non di proprietà dello Stato), la conservazione del patrimonio rurale, la gestione di biblioteche e archivi, la costruzione e la manutenzione di scuole secondarie (collèges). I dipartimenti sono responsabili delle strade dipartimentali.

I comuni, creati nel 1798, sono il livello più emblematico dell’autonomia locale. Sono responsabili di attività come l’istruzione primaria, azioni sociali (ad esempio, organizzazione di alloggi sociali, asili nido, alloggi protetti, ecc.) o di protezione dell’ordine pubblico (polizia locale).

I comuni sono obbligati a garantire i servizi di base come lo smaltimento dell’acqua, la raccolta e il trattamento dei rifiuti, la creazione e la gestione di cimiteri, ecc. Sono inoltre responsabili dei piani e dei regolamenti urbani e delle strade comunali. In qualità di “agente statale”, il comune organizza le elezioni e mantiene la registrazione di nascite, matrimoni, ecc.

3. Comunità francesi d’oltremare

Secondo la Costituzione francese, le regioni d’oltremare e le comunità territoriali sono Guadalupa, Guyana, Martinica, Martinica, La Réunion, Mayotte, Saint-Barthélemy, Saint-Martin, Saint-Pierre-et-Miquelon, le isole Wallis e Futuna e la Polinesia francese. Inoltre, i territori francesi del Sud e dell’Antartide e Clipperton dispone di un’organizzazione speciale. La Nuova Caledonia ha uno statuto speciale di transizione e il 4 novembre 2018 organizzerà un referendum sulla sua potenziale indipendenza futura.

francia oltremare

La Francia ha 5 dipartimenti d’oltremare che sono allo stesso tempo regioni d’oltremare (Guadalupa, Guiana, Martinica, La Réunion e Mayotte).

In generale, si basano sulle stesse regole dei dipartimenti e delle regioni del Metropole.

Tuttavia, a causa delle caratteristiche e dei vincoli specifici di tali comunità, i loro statuti possono essere adattati. Essi possono essere autorizzati per legge a determinare da soli le norme applicabili sul loro territorio in un numero limitato di questioni che devono essere determinate per legge (ad eccezione di La Réunion).

Poiché ciascuna delle regioni d’oltremare copre esattamente la superficie e la popolazione di un dipartimento, un nuovo tipo di comunità territoriale (con un’unica assemblea deliberativa) può sostituire il dipartimento e la regione.

Attualmente, ci sono due collettività uniche in Guiana e Martinica. La Réunion e la Guadalupa mantengono la loro struttura di dipartimento e regione (DOM-TOM). Mayotte è diventato quinto dipartimento d’oltremare nel 2011 e ha lo status simile alla comunità territoriale unica.

Tutti e cinque i dipartimenti francesi d’oltremare fanno parte dell’Unione europea con uno status di regioni ultraperiferiche (sulla base dell’articolo 349 del TFUE).

Le cinque comunità territoriali d’oltremare francesi sono Saint-Barthélemy, Saint-Martin, Saint-Pierre e Miquelon, le isole Wallis e Futuna e la Polinesia francese. Fino al 2007, Saint-Barthélemy e Saint-Martin hanno fatto parte del dipartimento della Guadalupa.

Quattro di queste entità non fanno parte dell’UE. Saint-Martin è la sesta regione ultraperiferica francese e fa quindi parte dell’Unione europea.

Fonti:

[1]        Fonte: Eurostat

[2]        Fonte: Les collectivités locales en chiffres 2017, Direction Générale des Collectivités Locales

[3]        Ibidem

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui